Home > Comunicati Stampa > COMUNICATO STAMPA del 11/12/2019

COMUNICATO STAMPA del 11/12/2019

“Italia 70. 10 anni di piombo”, il documentario promosso dall’Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio in onda su “La7”

Direzione Generale
Ufficio XIII – Sondrio
Via Donegani, 5 – 23100 Sondrio
Posta Elettronica Certificata: uspso@postacert.istruzione.it

 

 

COMUNICATO STAMPA

 Agli organi d’informazione

(Comunicato 11/12/2019)

 

Storia e mondo della scuola si fondono nel “doc educational” dal titolo “Italia 70. 10 anni di piombo“, diretto da Omar Pesenti e prodotto da Officina della Comunicazione. La trasmissione è prevista per giovedì 12 dicembre alle ore 16.50 su “La7“, in concomitanza con l’Anniversario della strage di Piazza Fontana, ma alcuni spezzoni saranno messi in onda anche questa sera, 11 dicembre, alle 21.15 durante il programma televisivo “Atlantide“. Il documentario è stato presentato in anteprima assoluta in Filmoteca Vaticana da Mons. Dario Edoardo Viganò, dagli amministratori delegati di Officina della Comunicazione, Elisabetta Sola e Nicola Salvi, dal cappellano militare Don Santo Battaglia e dal Dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale di Sondrio Fabio Molinari. Dalla strage di Piazza Fontana del 1969 all’omicidio dell’Onorevole Aldo Moro nel 1978, l’obiettivo principale è quello di fare storia e memoria con un linguaggio attuale e “smart“, che possa essere apprezzato da tutta la comunità ma in particolar modo dagli studenti, sempre più orientati verso la fruizione di materiale audio-visivo. Il progetto, promosso dall’Ust di Sondrio e dall’Istituto di Istruzione Superiore “Olivelli Putelli” Darfo Boario Terme, in partnership con l’Ordinariato Militare per l’Italia, vede anche la partecipazione di Rai Teche e Isituto-Luce Cinecittà, con interviste a testimoni e storici e con pagine audiovisive dell’epoca.

«Sono molto felice che l’impegno messo in campo dall’Ust si sia concretizzato in un traguardo così importante – sottolinea il Dirigente Ust, Fabio Molinari –. Sono convinto che il mondo della scuola debba essere sempre promotore di tali iniziative, in modo particolare quando i destinatari principali sono i nostri giovani».

 

FM/fn